#6 – Cortona

Una tribù che scatta. Instagram come alfabeto delle immagini

Instagram ha trasformato tutti in produttori d’immagine e ha aperto le porte del linguaggio fotografico: la fotografia è diventata lo strumento privilegiato per raccontare il mondo e la contemporaneità. Se fino a pochi anni fa per fare foto servivano tecnica e strumenti, con la diffusione di smartphone e dei social media tutti hanno imparato a gestire l’immagine e usarla per comunicare. Chiunque parla con le immagini, trasmette emozioni, racconta eventi, condivide momenti. In questo processo ciò che era personale è diventato pubblico.

Una transizione che non ha riguardato solo i singoli: brand, aziende e istituzioni hanno dovuto reinventare il loro linguaggio e la loro comunicazione.

In questo flusso infinito di scatti prodotti giornalmente utenti, aziende e istituzioni parlano con gli stessi strumenti trasformando il paradigma della comunicazione da verticale a orizzontale. Uno scambio continuo, sette giorni su sette, ventiquattro ore su ventiquattro che ha abbattuto quel muro invisibile tra produttori di contenuti e fruitori, che potenzialmente può accorciare le distanze che separano le istituzioni dal pubblico. La disponibilità di un terreno neutro e un linguaggio comune con l’utenza è forse una delle più grandi opportunità che le istituzioni hanno in questo momento storico.

Cittadini, aziende, personaggi, istituzioni: un’unica grande tribù che fa della piazza virtuale un luogo di confronto, di scambio e di conoscenza.

Ore 10.30:
Saluti istituzionali

Francesca Basanieri – Sindaco di Cortona
Lorenza Bravetta – Consigliere del Ministro Dario Franceschini per la valorizzazione del patrimonio fotografico nazionale
Antonio Carloni – Direttore Cortona On The Move

Ore 10.45 – 11.30
Tavola rotonda

Modera:
Adele Sarno – Huffington Post

Intervengono:
Lavinia Parlamenti – Fotografa Everyday_italy
Marina Sersale – Fotografa Hikary Creative
Massimo Siragusa – Fotografo
Giulia Ticozzi – Photoeditor di La Repubblica